Marocco sempre più verde, rinnovabili al 36%

"Siamo in anticipo sulla nostra tabella di marcia, con cui puntiamo ad arrivare al 42% di energia da fonti rinnovabili entro il 2020"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DAKHLA – “Oggi in Marocco il 36% dell’energia viene da fonti rinnovabili, quindi siamo in anticipo sulla nostra tabella di marcia, con cui puntiamo ad arrivare al 42% di energia da fonti rinnovabili entro il 2020”: a parlare con la DIRE è Ali Zerouali, direttore dei partenariati e della cooperazione internazionale per Masen, l’agenzia marocchina per l’energia sostenibile.

Il colloquio si tiene a margine della sessione dedicata alla produzione energetica dal Forum Crans Montana, patrocinato dal re del Marocco nella città di Dakhla, nella regione del Sahara Occidentale.

Secondo Zerouali, uno degli obiettivi di Masen è “condividere il nostro know-how e la nostra esperienza con tutti i paesi che lo desiderano e aiutarli a sviluppare centrali di energia rinnovabile che siano competitive e che permettano di proporre il prezzo più basso”. L’anno scorso alla Conferenza sul clima Cop22 il Marocco ha firmato un’intesa con Germania, Spagna, Francia e Portogallo per lo scambio di energia rinnovabile tra Marocco ed Europa. “Il progetto”, conclude Zerouali, “è ancora in corso e ci stiamo lavorando”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»