Minzolini, Delrio: “Abbiamo dato un messaggio sbagliato”

Il Paese "ha bisogno di chiarezza, non devono esistere privilegiati di fronte alla legge"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro Graziano Delrio non avrebbe salvato Augusto Minzolini dalla decadenza: “I nostri senatori votano come credono- ha detto a ‘la Repubblica’- ma non avrei lasciato la libertà di coscienza. Il caso Minzolini va oltre il merito: abbiamo dato un messaggio sbagliato“.

E lui, Delrio, avrebbe votato “per la decadenza. Rispetto le opinioni di tutti, non do lezioni, ma non avrei avuto dubbi. Il Paese ha bisogno di chiarezza, non devono esistere privilegiati di fronte alla legge“.

Quanto alla legge Severino, “alcuni aspetti vanno rivisti, nessuna legge è perfetta. Ma ha un principio giusto, che difendo: chi governa ha il dovere di essere più trasparente di chi è governato“, ha aggiunto Delrio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»