Salvi dal batterio della Xylella fastidiosa gli ulivi abruzzesi

"Al momento, tutto il territorio della regione Abruzzo, a
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

uliveto“Al momento, tutto il territorio della regione Abruzzo, a seguito di specifiche indagini effettuate nel 2014, è esente dalla presenza del batterio Xylella fastidiosa. Tuttavia, tenuto conto dell’importanza strategica che riveste il settore olivicolo, ritengo importantissimo organizzare un esteso monitoraggio per evidenziare eventuali focolai sospetti ed attuare capillari azioni di formazione e divulgazione rivolte agli addetti al settore”. Lo dice l’assessore alle Politiche agricole della Regione Abruzzo, Dino Pepe, che annuncia una task force di tecnici a presidio del territorio con il coinvolgimento delle associazioni e delle organizzazioni olivicole che già operano nei progetti di miglioramento della qualità dell’olio extra vergine di oliva e che già dispongono di una rete tecnica.

“Il gruppo di esperti- spiega Pepe- curerà la formazione dei tecnici relativamente alla sintomatologia e ai metodi di prevenzione. Si occuperà, inoltre, di organizzare il monitoraggio per aree omogenee, predisponendo incontri e schede informative per gli olivicoltori”. Infatti, “è noto che la tempestiva individuazione della patologia e la corretta diagnosi costituiscono le più importanti misure di contenimento. In quest’ottica, la task force affiancherà il monitoraggio ufficiale predisposto e organizzato dal Servizio fitosanitario regionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»