Ztl, a Bologna edicole e tabaccai venderanno i ticket

Ad oggi edicole e tabaccai non possono vendere i ticket, mentre la grande distribuzione sì: un "favoritismo inaccettabile", afferma Carella (Fi)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Bologna
Bologna

BOLOGNA – A partire dalla prossima settimana, i ticket per l’accesso alla Zona a traffico limitato (Ztl) di Bologna si potranno acquistare anche nelle edicole e dal tabaccaio. A dare l’annuncio (ufficioso) è Daniele Carella, consigliere comunale di Fi e presidente del Sindacato nazionale autonomo giornalai (Snag), che oggi ha sollevato il tema in commissione ottendendo “in diretta” la comunicazione da parte di Tper. Ad oggi edicole e tabaccai non possono vendere i ticket, mentre la grande distribuzione sì: un “favoritismo inaccettabile”, afferma Carella. Un conto “era quando i ticket li vendeva la sola Atc”, aggiunge l’azzurro, ma se viene attivata la rete commerciale allora l’esclusione di edicole e tabaccai diventa una “discriminazione” bella e buona.

Mentre la commissione va avanti, il direttore del settore Mobilità di Palazzo D’Accursio, Cleto Carlini, contatta Tper e poi comunica a Carella, fuor di microfono, che dalla prossima settimana “anche alla rete di vendita tradizionale- riferisce il consigliere comunale- sarà data la possibilità di acquistare e rivendere i titoli per la Ztl”. Una “vittoria del buonsenso”, la definisce Carella, “contentissimo” per la novità in arrivo “dopo che battevo da anni su questo tasto”.

(Tutti i dati sul settore mobilità nel notiziario DIRE in abbonamento)

di Maurizio Papa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»