NEWS:

Pechino, bronzo per Lollobrigida nella mass start di pattinaggio

Terza medaglia del pattinaggio di velocità e della diciassettesima medaglia dell'Italia Team in questa rassegna a cinque cerchi

Pubblicato:19-02-2022 11:21
Ultimo aggiornamento:21-02-2022 09:04
Autore:

FacebookLinkedIn

ROMA – Francesca Lollobrigida è di bronzo nella mass start di pattinaggio di velocità alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022. Al National Speed Skating Oval, l’azzurra conquista la sua seconda medaglia individuale dopo l’argento nei 3000, grazie al terzo posto ottenuto alle spalle dell’olandese Irene Schouten e della canadese Ivanie Blondin. Si tratta della terza medaglia del pattinaggio di velocità e della diciassettesima medaglia dell’Italia Team in questa rassegna a cinque cerchi.

Dopo l’argento sui 3.000 metri del pattinaggio di velocità, Francesca Lollobrigida ha ottenuto la medaglia di bronzo nella mass start ai Giochi invernali di Pechino. Pronipote di Gina Lollobrigida, ha ereditato la passione per il pattinaggio, prima a rotelle, vincendo 9 titoli mondiali, dal papà Maurizio, più volte medagliato e recordman sui 50 chilometri, oltre a essere il suo punto di riferimento tecnico. È passata al ghiaccio dopo le Olimpiadi di Torino 2006, proprio per inseguire il sogno di partecipare ai Giochi. Dal 2019 al 2021 è riuscita a migliorare i suoi crono sulle varie distanze, mettendo in bacheca anche 4 medaglie continentali. Ha aperto la stagione migliorando più volte il primato nazionale sui 3 mila metri e vincendo anche la prima tappa di Coppa del Mondo di specialità. È alla sua terza esperienza olimpica dopo Sochi 2014, dove arrivò ventitreesima nei 3000 metri, e a PyeongChang 2018, dove chiuse tredicesima nei 3000, decima nei 1500 e settima nella mass start. È arrivata in Cina dopo un podio di Coppa del Mondo in Polonia, il successo sempre nel circuito internazionale a Salt Lake City con record italiano e la terza piazza agli Europei.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn