Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Paglia sospeso dall’incarico di direttore Generale dell’Asp di Messina

asp messina
Il decreto di sospensione porta la firma dell'assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Sospeso per due mesi il direttore Generale dell’Asp di Messina Paolo La Paglia. Il decreto di sospensione porta la firma dell’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza.

LEGGI ANCHE: Sicilia, De Luca contro Razza: “Rettifico ordinanza ma lui revochi direttore Asp”

Il provvedimento arriva al termine di una ispezione disposta dall’assessorato all’Asp di Messina. La Paglia, nei cui confronti è stato avviato da parte del presidente della Regione Nello Musumeci anche un procedimento finalizzato alla decadenza, è stato più volte al centro di polemiche negli ultimi mesi per la gestione dell’emergenza Covid.

A Messina, da qualche settimana, si è insediato un commissario per la gestione dei problemi legati all’epidemia ma Razza nel suo provvedimento evidenzia come siano continuate a pervenire in assessorato “alcune segnalazioni inerenti la sussistenza di criticità in ordine all’attività ordinaria che l’Azienda è tenuta ad assicurare per l’ottimale gestione dell’emergenza epidemiologica”.
La Paglia si è scontrato più volte anche con il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che ne ha chiesto la rimozione in diverse occasioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»