Mafia, arrestato il fratello della vedova dell’agente della scorta di Falcone: “E’ come se fosse morto ieri”

Rosaria Costa è diventata uno dei simboli della stagione delle stragi mafiose per le parole pronunciate il giorno del funerale del marito e delle altre vittime della strage di Capaci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Sono devastata per tutto questo”. Rosaria Costa, vedova dell’agente di polizia Vito Schifani, morto nella strage di Capaci del 23 maggio 1992, parla così all’edizione online di ‘Repubblica-Palermo’ a proposito dell’arresto del fratello Giuseppe, avvenuto ieri nel blitz antimafia ‘White Shark’.

LEGGI ANCHE: White Shark, tra gli arrestati a Palermo anche il fratello della vedova di Vito Schifani

“È come se fosse morto ieri purtroppo”, dice a proposito del fratello accusato di associazione mafiosa.

Rosaria Costa, che vive lontano dalla Sicilia ormai da anni, è diventata uno dei simboli della stagione delle stragi mafiose per le parole pronunciate il giorno del funerale del marito e delle altre vittime della strage di Capaci (“Io vi perdono, ma voi dovete inginocchiarvi”).

https://www.youtube.com/watch?v=ff0wgrgkCBM

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»