Mafia, arrestato il fratello della vedova dell’agente della scorta di Falcone: “E’ come se fosse morto ieri”

Rosaria Costa è diventata uno dei simboli della stagione delle stragi mafiose per le parole pronunciate il giorno del funerale del marito e delle altre vittime della strage di Capaci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Sono devastata per tutto questo”. Rosaria Costa, vedova dell’agente di polizia Vito Schifani, morto nella strage di Capaci del 23 maggio 1992, parla così all’edizione online di ‘Repubblica-Palermo’ a proposito dell’arresto del fratello Giuseppe, avvenuto ieri nel blitz antimafia ‘White Shark’.

LEGGI ANCHE: White Shark, tra gli arrestati a Palermo anche il fratello della vedova di Vito Schifani

“È come se fosse morto ieri purtroppo”, dice a proposito del fratello accusato di associazione mafiosa.

Rosaria Costa, che vive lontano dalla Sicilia ormai da anni, è diventata uno dei simboli della stagione delle stragi mafiose per le parole pronunciate il giorno del funerale del marito e delle altre vittime della strage di Capaci (“Io vi perdono, ma voi dovete inginocchiarvi”).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»