Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Embraco, Calenda attacca: “L’azienda licenzia, non incontrerò più questa gentaglia”

"L'azienda ci ha risposto negativamente, ci hanno detto che devono licenziare ora, non si comprende questo atteggiamento di totale irresponsabilità dell'azienda"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho parlato per telefono con i consulenti della Embraco e gli ho spiegato che la loro proposta, che prevede il passaggio per il lavoratori al part-time, non è accettabile“. Così il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda fa il punto sulla vertenza Embraco a margine della firma per progetti di Ricerca e Sviluppo in Toscana al Mise.

Calenda riferisce di aver fatto all’azienda “una controproposta che prevede il ritiro dei licenziamenti e il passaggio alla cassa integrazione per avviare un processo di  reindustrializzazione. Se hanno dubbi interpretativi sono disponibile a scrivere una lettera di mio pugno rassicurandoli”.

Ma l’azienda, fa sapere Calenda, “ci ha risposto negativamente, ci hanno detto che devono licenziare ora, non si comprende questo atteggiamento di totale irresponsabilità dell’azienda”.

Calenda quindi attacca: “Ci troviamo di fronte al peggior caso di multinazionale che ha dimostrato totale irresponsabilità nei confronti dei lavoratori e mancanza di rispetto per il governo. Non incontrerò più questa gentaglia“.

Il ministro sottolinea di aver sentito i legali dell’azienda insieme al Presidente della Regione Sergio Chiamparino offrendo loro “sostegno per avviare la cassa integrazione. L’azienda ci ha risposto negativamente- riferisce Calenda- non si capisce questo atteggiamento perché la differenza tra la loro proposta e la nostra non è materiale se non fosse che con la cassa integrazione si consente un percorso di reindustrializzazione in continuità e questo è molto importante perché ci sono imprenditori interessati”.

La multinazionale, riferisce ancora il ministro, “ci ha detto che devono licenziare ora perché hanno un problema con la Borsa, cosa che non mi era mai capitato di sentire. Ne prendiamo atto e agiremo di conseguenza; avvieremo- conclude- subito un lavoro con Invitalia per cercare di trovare un percorso di reindustrializzazione in un tempo molto breve, perché abbiamo poco più di un mese per concludere tutto“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»