Fassino a Epifani: “Accantoniamo la scissione, sarà congresso vero”

Il Congresso "non è solo un momento di discussione interna, ma di confronto con la società"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Accantoniamo la parola scissione e proviamo a preparare le condizioni per un congresso vero, che non è solo un momento di discussione interna ma di confronto con la società”. Così Piero Fassino risponde alle parole di Guglielmo Epifani nel suo intervento all’assemblea nazionale del partito democratico.

LEGGI ANCHE Epifani: “Renzi tira dritto, ma per stare dentro al partito ci vuole rispetto”

“È un momento di sofferenza per il nostro popolo- aggiunge Fassino- siamo stati tutti destinatari di tantissimi appelli che ci chiedono unità e coesione. Non è in gioco il dissenso o il consenso ma un progetto sul quale abbiamo scommesso negli ultimi venti anni a partire dal l’Ulivo”.

“A Guglielmo Epifani- prosegue- dico che il suo è un intervento da congresso, perché è legittimo avere dubbi su Jobs act, legge elettorale o altre questioni. Ma- si chiede Fassino- sono queste ragioni il motivo per separare il partito? Ci si scinde quando si hanno visioni inconciliabili”. “Io penso- continua ancora l’ex sindaco di Torino- ci siano tutte le condizioni per fare un congresso vero. Non è la temporalità a determinarne la qualità, sia che lo convochiamo da qui a 4 mesi, come vincola lo statuto, sia con tempi piu lunghi, sarà un congresso vero”.

LEGGI ANCHE Renzi: “Ci prendono per matti, ora basta. Scissione è un ricatto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»