Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vongole, nelle Marche un terzo dei pescatori d’Italia

pesca-reti-a-strascico
ANCONA - Troppe vongolari nelle Marche. La deputata Lara Ricciatti (Si) è la prima firmataria di un'interrogazione (sottoscritta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Troppe vongolari nelle Marche. La deputata Lara Ricciatti (Si) è la prima firmataria di un’interrogazione (sottoscritta anche dai parlamentari del gruppo: Adriano Zaccagnini, Erasmo Palazzotto, Serena Pellegrino, Antonio Placido, Michele Piras, Stefano Quaranta, Gianni Melilla, Franco Bordo e Donatella Duranti) con cui chiede al ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina cosa intende fare “per decongestionare la costa marchigiana dalle troppe vongolari presenti“. Nella regione infatti
sono 221 pari a un terzo circa della flotta italiana. Operano in 4 compartimenti: Pesaro, Ancona nord, Ancona sud e San Benedetto del Tronto.

“Il rischio- secondo la deputata fanese- è che si scateni una guerra tra gli operatori per accedere alle risorse ittiche”. Alla luce di tutto ciò la deputata di Sinistra Italiana chiede al ministro Martina “quali iniziative intenda intraprendere al fine di decongestionare la costa delle Marche dall’alto numero di imbarcazioni dedite all’attività di pesca delle vongole, al fine di salvaguardare lo stesso comparto, oltre che l’ambiente”.

vongole_pesca_pesce

di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»