Lavoro, sindacati contro Regione: “Tirocinio non è lavoro”

FIRENZE - Tirocini e lavoro, Cgil, Cisl e Uil bocciano la misura della Regione. "Non confondiamo i tirocini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Tirocini e lavoro, Cgil, Cisl e Uil bocciano la misura della Regione. “Non confondiamo i tirocini con il lavoro”, il recente provvedimento che lega la concessione alle aziende di fondi comunitari all’attivazione di tirocini per i giovani “non ha un’efficacia dal punto di vista occupazionale e rischia di restare solo uno spot”, sottolineano le parti sociali. Quello dei tirocini, continuano i sindacati, “è uno strumento per avvicinare i giovani alle realtà aziendali, ma non è certo un lavoro vero, né rappresenta un canale di accesso efficace al mondo del lavoro”, visto che in Toscana “soltanto il 4,6% dei tirocini, nonostante gli incentivi, viene poi trasformato in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato nell’impresa o nel settore in cui si è svolto il tirocinio. Non è questa insomma la strada per consentire ai giovani di trovare lavoro”.

lavoroPer Cgil, Cisl e Uil “è curioso che un governo regionale che si vuol caratterizzare come ‘di sinistra’ e vicino al lavoro confonda simili strumenti, di cui oltretutto troppe aziende fanno un uso distorto e abusano, come più volte denunciato dal sindacato nelle sedi proprie, comprese le tripartite regionali”. Per dar vita ad un incentivo “efficace”, sottolineano, “meglio sarebbe stato legarlo alla creazione di un posto di lavoro strutturale”. Anche perché “le imprese che vogliono attivare un tirocinio non hanno certo bisogno degli incentivi e delle prescrizioni della Regione Toscana”. La Regione, quindi, concludono i sindacati in maniera compatta, “sarebbe meglio che si impegnasse, con un confronto strutturato e continuo con le parti sociali che di lavoro se ne intendono, a costruire percorsi concreti che favoriscano la creazione di lavoro, piuttosto che accontentarsi di spot come questo“.

di Diego Giorgi, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»