Centrale a Biomasse di Borgo Incile di Avezzano, Regione Abruzzo verso il no

La costruzione della centrale a biomasse di Borgo Incile di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

centrale biomasseLa costruzione della centrale a biomasse di Borgo Incile di Avezzano, proposta dal gruppo Powercrop è “incompatibile” per “la naturale vocazione agricola della Piana del Fucino, caratterizzata da un’agricoltura ad alta specializzazione capace di produrre colture orticole diversificate e dall’alto valore qualitativo, in un contesto industriale che produce il 25% del Pil abruzzese”. Così l’assessore alle Politiche agricole della Regione Abruzzo, Dino Pepe, al ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, partecipando alla riunione, a Roma, del comitato interministeriale per il settore bieticolo-saccarifero, dove si è discusso anche della centrale a biomasse di Avezzano.

“Abbiamo comunicato ai rappresentanti del comitato, le difficoltà nell’iter autorizzativo per la realizzazione della centrale, che ad oggi è sospeso in attesa della risoluzione dei ricorsi presentati al Tar Abruzzo dai comuni di Avezzano e Luco dei Marsi, organizzazioni professionali agricole e associazioni ambientaliste, che hanno impugnato il parere positivo della Commissione Via rilasciato nel 2010”, spiega Pepe.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»