Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Prodi: “Avanti con Conte, i numeri cresceranno”

"Ho solo una parola per definire l'apertura della crisi: follia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non e’ il momento della rottura, e’ il momento della continuita’. E ogni alternativa a Conte ci metterebbe in una condizione di difficolta’”. Romano Prodi crede e scommette sulla necessita’ della continuita’ del governo guidato da Giuseppe Conte e in una lunga intervista ad ‘Avvenire’ azzarda una previsione nel giorno del voto di Palazzo Madama: “I numeri saranno risicati, ma ci saranno. Poi potranno anche crescere. Non cresceranno pero’ mediando, ma solo correndo in avanti”. Prodi poi ‘bacchetta’ Renzi.

Ho solo una parola per definire l’apertura della crisi: follia. Ma ci sono politici che quando si accorgono che stare in coalizione non paga si innervosiscono, poi impazziscono e dopo ancora buttano tutto all’aria”. Anche Conte e’ stato durissimo. “Si’, non l’ha schiaffeggiato come fece con l’altro Matteo, ma certo ora la porta e’ chiusa. Renzi gli da’ dell’anti-democratico, esce dal Governo… È rottura completa. Quando si colpisce la dignita’ venire a compromessi e’ solo un segno di debolezza”.

Poi un’ultima domanda: non la imbarazza l’idea di un governo che si regge su una pattuglia di ‘responsabili’? Prodi e’ netto: “L’alternativa anti-Europa metterebbe l’Italia ko. L’Italia ha una necessita’ assoluta di dialogare in modo credibile con i nostri interlocutori europei”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»