Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gregoretti, Salvini: “La Lega voterà per il sì al processo”

Lo ha detto Matteo Salvini, nel corso di un comizio a Cattolica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Ho deciso che domani chiederò a chi deve votare, quindi anche ai senatori della Lega, di farmi un favore: votate per mandarmi a processo e la chiariamo una volta per tutte“. Lo ha detto Matteo Salvini, nel corso di un comizio a Cattolica, riferendosi al caso Gregoretti.

“Domani la Giunta per le imunità del Senato deciderà se devo andare a processo, se sono un criminale o se era mio dovere bloccare gli sbarchi da ministro. Io ci ho ragionato ieri e stanotte e sono arrivato a una decisione, ormai è diventata una barzelletta che va avanti dall’anno scorso, con Conte e Di Maio che c’erano e non si accorgevano di nulla”, ha continuato.

“Portatemi in tribunale e sarà un processo contro l’intero popolo italiano, ci portino tutti in tribunale e si stabilisca una volta per tutte se il giudice deve fare il giudice o il ministro, io sono stufo. Se vuoi fare il ministro molli la toga, ti candidi e vai a fare il ministro, altrimenti non rompi le scatole a chi lavora. Andate, cari signori giudici di sinistra, a beccare spacciatori e delinquenti e non rompete le scatole alla gente che lavora. Se mi portano in tribunale aspetto tutti voi”, ha concluso il segretario della Lega.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»