Regionali, veto Lega su Rampelli; Roma, torna la domenica ecologica; Autismo, maneggio di Villa Gori a rischio sfratto

Ecco i titoli del Tg Roma e Lazio dell’edizione di oggi:

REGIONALI, NEL CENTRODSTRA VETO LEGA SU RAMPELLI

La Lega non vuole Fabio Rampelli come candidato del centrodestra alla Regione Lazio. Il veto è arrivato durante una riunione con gli alleati, scatenando una durissima reazione di Giorgia Meloni, convinta di imporre lo stesso Rampelli. Questo, a quanto apprende l’agenzia Dire, lo scenario della lite scoppiata ieri tra Lega e Fratelli d’Italia e di cui oggi ne ha parlato uno dei testimoni, l’esponente di Forza Italia Maurizio Gasparri, anch’esso tra i possibili candidati. Intanto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, non molla e continua a ribadire la sua intenzione di andare avanti.

ROMA, ZINGARETTI: PARTITI LAVORI MANUTENZIONE BANCHINE TEVERE

Sono partiti questa mattina i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria delle banchine del Tevere. Ad annunciarlo il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Banchine pulite e accessibili a tutti grazie alla Regione Lazio e alla buona gestione dei fondi europei- ha detto il governatore- C’è un grande lavoro da fare per restituire decoro a questo pezzo importante della nostra Capitale e della nostra regione”.

ROMA, TORNA DOMENICA ECOLOGICA: STOP AUTO E MOTO

Il 21 gennaio torna il divieto totale della circolazione con il secondo appuntamento delle domeniche ecologiche, il provvedimento della Giunta capitolina per contenere le emissioni inquinanti. L’iniziativa prevede il blocco della circolazione ad auto e moto all’interno della fascia verde dalle ore 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30. La limitazione e’ estesa anche
agli autoveicoli diesel euro 6. Le prossime domeniche ecologiche sono in programma l’11 e il 25 febbraio.

SFRATTO MANEGGIO VILLA GLORI, GENITORI: NON CHIUDETELO

I ragazzi autistici della Onlus ‘L’emozione non ha voce’ all’interno del centro ippico di Villa Glori rischiano di perdere il loro spazio per le attività. C’e’ una richiesta di sfratto recapitata il 21 dicembre da parte del Campidoglio alla societa’ Lazio Equitazione, poichè sul circuito sportivo pende il pagamento di 906 mila euro di canoni arretrati. Una vicenda non recente, sono 14 anni che il Comune cerca di regolarizzare la situazione del centro. In questo ping pong tra Comune e societa’ Lazio Equitazione si trovano i ragazzi autistici che all’interno della Onlus cercano una vita il più possibile autonoma.

19 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»