Il museo Pecci di Prato assume 8 precari

PRATO - Il museo Pecci stabilizza otto lavoratori precari nei settori comunicazione, promozione, marketing, conservazione, progettazione di eventi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PRATO – Il museo Pecci stabilizza otto lavoratori precari nei settori comunicazione, promozione, marketing, conservazione, progettazione di eventi. I neoassunti hanno beneficiato del contratto a tutele crescenti previsto dalla riforma del Jobs Act, come precisa una nota del Comune di Prato. A dare l’annuncio oggi è stato l’assessore alla Cultura, Simone Mangani.

museo pecci1

“Come deciso in maniera unanime del comitato direttivo sono stati stabilizzati otto contratti precari di persone che già lavoravano da oltre un anno al centro- ha dichiarato nel corso di una riunione della commissione Cultura-. Si tratta di figure professionali fondamentali per il rilancio“.

Con il nuovo organico di alto profilo, l’amministrazione comunale- recita la nota- dà un segnale chiaro nel sostegno della forte vocazione contemporanea di Prato, di cui il centro Pecci è, oggi, il testimone più significativo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»