Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dal parco archeologico dell’Appia a Ostia antica, ecco i 10 musei che saranno autonomi

ROMA - I nuovi dieci musei e parchi archeologici autonomi saranno il Museo nazionale romano, che è "il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I nuovi dieci musei e parchi archeologici autonomi saranno il Museo nazionale romano, che è “il più grande museo archeologico al mondo” e che comprende Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano e Palazzo Altemps, il Parco archeologico di Ostia antica, il parco archeologico di Ercolano, il parco dei Campi flegrei, il Museo Nazionale di Villa Giulia, Villa Adriana e Villa d’Este.

Appia_Antica

E poi il parco archeologico dell’Appia antica, che “gestirà non solo la parte dell’Appia antica che riguarda Roma, ma anche il coordinamento del progetto su cui stiamo lavorando per la ricomposizione dell’Appia antica fino a Brindisi”.

E ancora, autonomi saranno anche il Complesso Pilotta a Parma e il Museo storico e il parco del castello di Miramare. Infine, “un’operazione nuova” che si chiama Museo della civiltà che “mette insieme all’Eur tre musei dello Stato: il Pigorini, il Museo dell’Alto medioevo e quello delle Arti e tradizioni popolari”. E’ quanto emerge dall’audizione del ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali, Dario Franceschini, alle commissioni Cultura di Camera e Senato riunite in seduta congiunta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»