In Tunisia un murales contro l’inquinamento: writer arrestata

L'inquinamento uccide come le armi da fuoco. Questo il messaggio dell'artista tunisina Dalinda Louati, arrestata e poi rilasciata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’inquinamento uccide come le armi da fuoco. Questo il messaggio dell’artista tunisina Dalinda Louati, arrestata e poi rilasciata lo scorso lunedì 11 gennaio per aver dipinto una pistola nei pressi dell’industria SIAPE (Società industriale di acido fosforico e fertilizzanti) di Sfax, Tunisia.  Il graffito allude agli effetti inquinanti dello stabilimento, contro il quale sono frequenti, a Sfax, cortei e manifestazioni di migliaia di persone.

murales_inquinamento_tunisia
Louati, afferma il settimanale “Réalités”, per essere rilascita è stata obbligata a firmare un documento in cui si impegna a non avvicinarsi più all’industria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»