Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bambini e raffreddore, ecco quando chiamare il medico

Niente allarmismi per un raffreddore, che è un inconveniente di stagione, ma attenzione ai sintomi indicatori di un aggravamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Medicine BambiniROMA  – Con il freddo i bambini possono prendersi un raffreddore. Che fare, dunque? Dipende dall’età del bambino, suggerisce la Fda americana. In genere non sono consigliabili medicine senza prescrizione medica (Otc), perché tali farmaci potrebbero avere effetti collaterali negativi. “Ricordiamo- spiega Primo Mastrantoni, segretario Aduc- che il raffreddore non può essere trattato con antibiotici perché di natura virale. Ovvio che ci possono essere complicazioni batteriche per le quali va valutato con il medico il tipo di terapia da seguire. Comunque è opportuno rivolgersi al medico quando si hanno uno dei seguenti sintomi: Febbre in un neonato di 2 mesi o meno; Febbre a 38 gradi o superiore a qualsiasi età; Segni di respiro affannoso, tra cui narici dilatate ad ogni respiro, sibilo, respiro veloce; Labbra blu; Inappetenza, con segni di disidratazione; Dolore all’orecchio; Irritabilità o sonnolenza eccessiva; Tosse perdurante per molti giorni”.

Questi sintomi possono indicare che il bambino ha qualcosa di più grave di un semplice raffreddore. Insomma, niente allarmismi per un raffreddore, che è un inconveniente di stagione, ma attenzione ai sintomi indicatori di un aggravamento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»