Parchi Arno, i progetti degli architetti si possono votare online

FIRENZE - L'ordine degli architetti e l'ordine dei dottori agronomi e forestali di Firenze hanno offerto all'amministrazione Comunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – L’ordine degli architetti e l’ordine dei dottori agronomi e forestali di Firenze hanno offerto all’amministrazione Comunale un progetto di ricostruzione dei parchi fortemente danneggiati dal fortunale del primo agosto scorso. A questo scopo hanno elaborato un master plan condiviso con gli uffici dell’assessorato all’ambiente e con i Quartieri 2 e 3.

A redigere il piano ha provveduto un’equipe formata da circa 100 professionisti che hanno svolto il loro compito a titolo volontario; tra loro molti giovani che così hanno potuto fornire un servizio importante alla città vivendo nel contempo una preziosa esperienza formativa. Attualmente i progetti sono visibili in orario di ufficio presso la sede dei Quartieri 2 e 3, ma anche online sul sito “Idee per i parchi sull’Arno“.
Dal sito possono essere scaricate le schede che permettono ai cittadini di votare esprimendosi sui progetti, formulando giudizi, valutazioni, suggerimenti, integrazioni. Le schede vengono raccolte presso le sedi dei quartieri 2 e 3 ed è possibile votare fino al 30 gennaio. I risultati della consultazione e il percorso verso l’attuazione dei progetti verranno illustrati nell’ambito di un incontro pubblico in programma a febbraio a Palazzo Vecchio.

di Diego Giorgi, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»