Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bassetti: “Variante Omicron più contagiosa, ma meno polmoniti di Delta. Non spaventi”

matteo bassetti
"Ogni positivo potrebbe quindi contagiare fino a 14 persone"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La variante omicron si concentra 70 volte di più nei bronchi e 10 volte meno nei polmoni rispetto alla variante delta. E un conto è avere una bronchite (infezione che si concentra nelle alte vie respiratorie), un altro è avere una polmonite”. Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive del San Martino, chiarisce così i quadri clinici che dà la variante omicron, ricordando che “i primi casi visti erano meno impegnativi”.

Una variante, tuttavia, “molto più contagiosa della precedente. Come il morbillo, pone un problema di mobilità, perché potrebbero esserci contemporaneamente milioni di persone che, se non coperte dal vaccino, potrebbero stare male a causa di una forma di influenza forte o di bronchite, sebbene non arrivano ad avere la polmonite. Ogni contagiato potrebbe quindi contagiare fino a 14 persone– fa sapere Bassetti- e questo preoccupa più che l’impatto sulla letalità di questa infezione”.

Ciò che conta, rassicura Bassetti, è che “due dosi di vaccino sono in grado di evitare le forme più impegnative, ma soprattutto che tre dosi di vaccino ripristinano la funzionalità completa del vaccino. Chi ha quindi il triplo vaccino può contagiarsi ma sviluppa sintomi molto blandi. Un paese con oltre il 25% della popolazione con la terza dose non deve essere terrorizzato da questa variante“, aggiunge lo specialista.

L’invito è quello di “far parlare chi fa il medico sul campo, ovvero i medici sudafricani, inglesi o danesi che da un mese vedono questa variante senza vedere un aumento significativo di ospedalizzazioni. Non parliamo di lockdown, né chiudiamo l’Europa- conclude- dobbiamo continuare a vaccinare e a far fare alcune attività solo a chi è guarito e/o vaccinato“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»