Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Lazio, edizione del 18 dicembre 2020

Ecco i titoli del Tg Lazio dell'edizione di oggi:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A MARZO RIAPRE MAUSOLEO AUGUSTO, ROMANI GRATIS PER UN ANNO

Il primo marzo 2021 riapre al pubblico il Mausoleo di Augusto. Uno dei monumenti più importanti della storia antica, dopo 14 anni di chiusura totale verrà finalmente restituito alla cittadinanza al termine del restauro conservativo e della valorizzazione museale, durati 5 anni. Il monumento sarà aperto gratuitamente a tutti dal primo marzo al 21 aprile mentre l’ingresso resterà libero per tutto il 2021 solo per i romani. Saranno visitabili tutti gli spazi interni, dalla cella sepolcrale al cortile, e la terrazza calpestabile su cui è stata posata una copertura in cristallo. Novità anche per la nuova piazza Augusto imperatore. I lavori attualmente in corso per la realizzazione di uno spazio pedonale ipogeo con due grosse scalinate saranno conclusi entro il 2021. I nuovi giardini entro il 2023.

L’AUTOSTRADA ROMA-LATINA SI FARÀ, OPERA PRONTA PER IL 2026

La Roma-Latina si farà e saranno realizzate anche le opere complementari. Questo l’annuncio del ministro dei Trasporti, Paola De Micheli. La futura autostrada nascerà con una radicale modifica progettuale e finanziaria: se il precedente progetto costava 2 miliardi e mezzo, con un finanziamento statale di 468 milioni, quello nuovo costerà un miliardo e nove con una riduzione pari a 558 milioni. Stralciato il collegamento tra la A12 e la A91 e la bretella che collega Cisterna a Valmontone, che andrà a gara successivamente. Ridotto anche il consumo di suolo per il 17%. I progetti esecutivi saranno pronti nel 2021. L’opera sarà inaugurata entro il 2026.

COVID, NEL LAZIO NESSUN PROBLEMA PER CONSERVAZIONE VACCINI

Nel Lazio non ci sarà alcun problema sulla conservazione dei vaccini anti Covid19. “Già oggi il sistema è in grado di prendere immediatamente in carico 1 milione di dosi”. E’ quanto ha fatto sapere l’unità di crisi della Regione Lazio, a pochi giorni dall’avvio della campagna di vaccinazione di massa. “Ci si sta attrezzando per aumentare ulteriormente la capacità- ha fatto sapere la stessa Regione- Tutte le province sono coperte. Inoltre, abbiamo previsto la possibilità di attivare ‘soluzioni dormienti’ in grado di affrontare qualsiasi necessità” con tutte le misure di sicurezza. “Siamo pronti per partire con le vaccinazioni” ha quindi rassicurato l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato.

‘CRAZY FOR FOOTBALL’, LO SPORT COME TERAPIA E RISCATTO SOCIALE

“La nuova frontiera è lo sport come terapia, può essere uno strumento straordinario di integrazione e riscatto sociale. Fare sport può rappresentare un momento decisivo per la riabilitazione di questi ragazzi”. Queste le parole di Roberto Tavani, delegato allo sport della Regione Lazio, nel corso della diretta Facebook organizzata dall’associazione Ecos dal titolo ‘Crazy for Football. Lo sport contro il disagio psicosociale: aspetti clinici e relazionali’. “Nella passata consiliatura- ha spiegato Tavani- eravamo talmente convinti di questa sinergia che le politiche dello sport erano all’interno delle politiche sociali. Noi della Regione Lazio abbiamo sempre parlato di sport di cittadinanza, di uno sport che diventa strumento per l’affermazione del raggiungimento dei diritti, soprattutto per quelle fasce di popolazione meno fortunate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»