Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Che libri leggeremo nel 2021? Ecco una selezione di titoli in uscita

Da 'Il Silenzio' di Don De Lillo alla raccolta di poesie di Louise Gluck, fino ai 'Microgrammi' di Adelphi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Che libri leggeremo nel 2021? Quali sono gli autori più attesi? A pochi giorni dal nuovo anno, le case editrici hanno annunciato alcune uscite. L’agenzia Dire ha fatto una selezione tra esordi e novità. Il libro che tutti aspettano è ‘Il Silenzio’ (Einaudi) di Don De Lillo. Uscirà tra fine gennaio e inizio febbraio e narra la storia di cinque persone riunite in un appartamento durante il Super Bowl del 2022, sullo sfondo un evento catastrofico che ha silenziato il mondo digitale. La sua storica editor Nan Graham ha dichiarato: “De Lillo è sempre stato preveggente rispetto agli eventi che hanno trasformato la nostra cultura, ha finito il romanzo poche settimane prima dell’avvento del Covid”. Il Saggiatore, dopo ‘Averno’ e ‘L’Iris selvatico’, in primavera farà uscire ‘Ararat’, la raccolta di poesie del 1992 di Louise Gluck. I lettori italiani avranno così modo di conoscere meglio le poesie del premio Nobel per la Letteratura 2020. A gennaio La Nave di Teseo manderà in libreria ‘Rischi di un viaggio nel tempo’ di Joyce Carol Oates, e ‘Ladies’, la raccolta di racconti inediti di Patricia Highsmith. Sempre a gennaio Adelphi farà uscire in cartaceo i ‘Microgrammi’, i libri digitali nati durante il lockdown. Arriveranno ‘Per le sei corde’ di Borges, ‘Dolore’ di Naipul, ‘Perché non eravamo pronti’ di Quammen, ‘Zubrowka’ di Sarban, ‘L’Uomo Elefante’ di Treves e ‘La casa dei ricchi’ di Gadda.

Tra gli italiani da segnalare ‘La bella indifferenza’ (Bompiani) di Athos Zontini, ‘L’acqua del lago non è mai dolce’ (Bompiani) di Giulia Caminito, ‘Questo giorno che incombe’ (HarperCollins) di Antonella Lattanzi e ‘Come fanno le volpi’ (Pequod), l’esordio di Ulderico Iorillo. Bompiani recupererà un capolavoro perduto della letteratura italiana: ‘Padri lontani’ di Marina Jarre. La casa editrice Nottetempo, invece, che proprio ieri ha annunciato l’uscita di Andrea Gessner come direttore editoriale, pubblicherà le ‘Tredici lune’ di Alessandro Gazoia, che subentra proprio a Gessner. Tra i saggi in casa Einaudi da non perdere ‘La follia di Holderlin’ (Einaudi) di Giorgio Agamben e ‘Pianura’ di Marco Belpoliti. Dal 7 gennaio sarà disponibile anche ‘Coco Chanel. Una donna del nostro tempo’ (Cairo), la nuova biografia scritta da Annarita Briganti dopo quella su Alda Merini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»