Nigeria, liberi gli studenti di Kankara: ipotesi di riscatto

Il rapimento dei ragazzi, 344, alunni di un college maschile nella cittadina di Kankara, nello Stato di Katsina, era stato rivendicato dalla formazione islamista Boko Haram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oltre 300 studenti sequestrati da un gruppo armato una settimana fa nel nord della Nigeria saranno accolti oggi da funzionari del governo dopo essere stati liberati grazie a un intervento dell’esercito: lo ha riferito oggi il quotidiano This Day, parlando di “una trattativa” dai contorni ancora non chiari.

Il rapimento dei ragazzi, 344, alunni di un college maschile nella cittadina di Kankara, nello Stato di Katsina, era stato rivendicato dalla formazione islamista Boko Haram. Secondo un portavoce dell’amministrazione locale, Abdul Labaran, i giovani erano stati condotti nell’area della foresta di Zamfara. Qui sarebbero stati liberati, ha riferito This Day, forse dietro pagamento di un riscatto.

Il governatore di Katsina, Aminu Bello Masari, aveva detto mercoledì che per il rilascio degli studenti era stata avviata una trattativa con i “banditi” attraverso la mediazione di Miyetti Allah, un’organizzazione di rappresentanza degli allevatori fulani, una comunità perlopiù musulmana radicata nel nord e nel centro della Nigeria.

L’annuncio della liberazione è giunto dopo giorni di mobilitazioni e proteste di piazza, anche nella capitale federale Abuja. Sotto accusa il governo del presidente Muhammadu Buhari, eletto una prima volta nel 2015 anche per la promessa di garantire la sicurezza e sconfiggere Boko Haram.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»