VIDEO | “Il mondo salvato dai ragazzini”, il premio dell’edizione napoletana a Vichi De Marchi

Oggi al teatro Mercadante di Napoli la premiazione dell'autrice de I maestri di strada (Einaudi Ragazzi, Collana Semplicemente Eroi)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – 600 ragazzi di 10 istituti di scuola secondaria di primo grado di Napoli e provincia hanno letto i libri della quaterna finale del progetto ‘Il mondo salvato dai ragazzini’, promosso dall’associazione culturale Kolibrì presieduta da Donatella Trotta. Oggi al teatro Mercadante di Napoli la premiazione degli autori dinnanzi a una platea di giovani e giovanissimi lettori che hanno preferito I maestri di strada (Einaudi Ragazzi, Collana Semplicemente Eroi) della scrittrice e giornalista Vichi De Marchi.

“Se un uomo sogna da solo è soltanto un sogno, ma se si sogna insieme è la realtà che comincia, e la realtà è nei volti dei ragazzi che oggi sono i veri protagonisti di tutto questo”. Così Trotta introducendo la cerimonia di premiazione condotta dall’attore Massimiliano Foà. Presenti anche l’assessora regionale all’Istruzione, Politiche Giovanili e Sociali Lucia Fortini; Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa; Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli.

“Avere questi ragazzi in veste di giudici-lettori – aggiunge Trotta – che sono un campione rappresentativo del volto buono della scuola napoletana e italiana è una grande soddisfazione nel segno di Elsa Morante, e del suo testo poetico-profetico del ’68″, da cui trae il nome l’iniziativa.

A “sfidarsi”: il francese Bernard Friot, con Il mio primo libro di poesie d’amore (edizioni Il Castoro), illustrato da Desideria Guicciardini; Emanuela Bussolati ed Elisabetta Garilli, autrici dell’albo illustrato Tinotino Tinotina tin tin tin (Carthusia edizioni); Luigi D’Elia e Simone Cortesi, autori con Francesco Niccolini del graphic-novel Aspettando il vento (Beccogiallo edizioni), oltre alla supervotata De Marchi. A comporre la giuria gli studenti degli istituti I.C. A.Ristori, I.C. Foscolo-Oberdan (Napoli), S.S. di primo grado Pirandello-Svevo (Napoli), I.C. Nevio (Napoli), S.S. di primo grado Carlo Poerio (Napoli), S.S. di primo grado Tito Livio (Napoli), I.C. Capraro (Procida), I.C. Ferrajolo-Siani (Acerra), I.C. Filippo Caulino (Vico Equense), I.C. Giovanni XXIII-Aliotta (Chiaiano).

“Ricevere questo premio è un piacere particolare – dichiara De Marchi – perché è un premio che nasce dal basso, dalla lettura e dal confronto tra gli autori e le classi. La letteratura è fondamentale perché leggere significa avere un compagno per tutta le vita“.

Commosso e meravigliato, il rettore d’Alessandro, premiato per la sua Trilogia di Topolino, illustrata dalle “coloratissime matite di Lello Esposito”, ha dichiarato: “Quello che è bello è vedere questi ragazzi impegnati nella lettura perché leggere è come avere uno sparring partner per la mente, qualcuno con cui la mente si allena costantemente”.

Anche il presidente della Fondazione Premio Napoli Ciruzzi ha sostenuto la necessità di “educare alla bellezza della lettura” un compito difficilissimo ancor più se si tiene conto che “l’industria culturale attuale conduce verso ben altre strade, e cioè verso l’anestetizzazione dei sentimenti e dei cervelli”.

“La Regione Campania – dichiara Fortini – è ormai da molto anni vicina a tutte le realtà che cercano di sostenere i ragazzi nella loro crescita culturale e personale. Coinvolgerli è un’ottima opportunità perché è da loro che bisogna ricominciare per rendere la nostra società più forte”.

‘Il mondo salvato dai ragazzini’ è stato organizzato in collaborazione con la storica rivista Andersen-Il mondo dell’infanzia e l’ente nazionale di formazione Agita Teatro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»