Migranti, Bologna legge in piazza i nomi dei morti in mare e nei lager: sono 37.560

Un momento simbolico di riflessione organizzato a Bologna nel giorno in cui ricorre Santa Francesca Cabrini, patrona dei migranti e di chi arrivava negli Stati Uniti in cerca di lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Leggere ad alta voce i nomi dei 37.560 migranti morti nel Mediterraneo, nei lager libici o sulle rotte balcaniche nel tentativo di raggiunge l’Europa, per meditare “che questo è”. Succederà domenica mattina a Bologna, dove una rete di associazioni e ong hanno organizzato un momento simbolico di riflessione, prendendo spunto dalle parole di Primo Levi, autore di ‘Se questo è un uomo’, libro-strumento per non perdere la memoria sui fatti dell’Olocausto durante la Seconda guerra mondiale.

“Sacrosanto commemorare l’Olocausto ma, come ha detto un altro sopravvissuto, Piero Terracina, non possiamo ignorare la strage che avviene adesso, poco lontano da noi”, scrivono gli organizzatori sulla locandina dell’evento, atteso dalle 10 in poi in piazza Maggiore. La scelta del giorno non è casuale: domenica ricorre Santa Francesca Cabrini, patrona dei migranti e soccorritrice di chi, dopo una lunga traversata, arrivava negli Stati Uniti in cerca di lavoro. In ogni caso, gli organizzatori ci tengono a sottolineare che la data è puramente simbolica e che tutti, credenti o meno, possono partecipare alla lettura della ‘list of deaths‘.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»