VIDEO | Nel nuovo album di Stalteri Keith Emerson e il Trittico napoletano

Il musicista in quest’opera si è ispirato al numero tre, nei suoi numerosi significati: 11 brani in cui è assoluto protagonista con il suo pianoforte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Metti insieme la musica napoletana e il rock progressivo di Keith Emerson, con un occhio “al 3, considerato il numero perfetto”. Nasce così ‘Trilogy‘ il nuovo album di Arturo Salteri, pianista e compositore, a quasi due anni da ‘Low&Loud’.

Il musicista in quest’opera si è ispirato al numero tre, nei suoi numerosi significati: 11 brani in cui è assoluto protagonista con il suo pianoforte fatta eccezione per la partecipazione di Laura Pierazzuoli al violoncello e Federica Torbidoni al flauto in alcuni pezzi.

“Perché mettere insieme generi così diversi? A casa mia ho sempre ascoltato di tutto, da Chopin ai Beatles, ai Rolling Stones– racconta alla Dire- Ho studiato al Conservatorio e gli assoli di Keith Emerson. Tutto questo è cresciuto con me, ho sempre ascoltato tantissima musica, e questo è entrato in quello che scrivo o rielaboro. Per riuscire a mettere insieme tutte queste parti, farle convivere, la cosa migliore è quella di averle vissute”. ‘Trilogy’ è anche un omaggio a Keith Emerson, del quale reinterpreta il brano omonimo, in una lettura per due pianoforti. Nel disco c’è un tributo a Napoli, il Trittico Napoletano: “Ci sono tre brani, uno ispirato a Domenico Scarlatti, uno al Vesuvio, da un’idea di Gianni Colini Baldeschi, e uno a Tony Esposito, del quale riarrangio ‘Rosso Napoletano’, in una versione per pianoforte, flauto e knotdrum”, spiega Stalteri.

Nel cd, inoltre, è presente un brano dal titolo ‘Three Pianos’ (tre pianoforti, di cui due a volte “trattati”) e l’immancabile tributo a J.R.R. Tolkien e alla sua trilogia “Il Signore degli Anelli”, con “Tre Anelli ai Re degli Elfi” per pianoforte e violoncello (versi tratti dal “Poema dell’Anello”). La carriera di Stalteri è iniziata con il gruppo Pierrot Lunaire, uno dei nomi storici del rock progressivo degli anni Settanta, ed è proseguita con una serie di importanti collaborazioni. Tra tutte, spiccano quella con Franco Battiato e Rino Gaetano. Con quest’ultimo ha suonato negli album ‘Mio fratello è figlio unico’ (pianoforte, organo Hammond, clavicembalo, eminent, moog) e ‘Aida’ (pianoforte, organo hammond). È sua, infatti, l’intramontabile introduzione de ‘Ma il cielo è sempre più blu’. Fu Vincenzo Micocci, produttore, a chiedergli “di dare una mano a Rino ad arrangiare. Portava in giro con la chitarra il provino di questa canzone. Mi chiese un semplice giro armonico”. E poi Franco Battiato, con il quale ha collaborato in tre progetti, musicali e non. Inoltre per Carlo Verdone ha composto musiche per ‘L’amore è eterno finché dura’. A breve partirà l’instore tour di Stalteri in giro per le Feltrinelli di tutta Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»