Venezia, Brugnaro voga in Canal Grande per ringraziare la città

Il sindaco ha vogato dal palazzo del Casinò Ca'Vendramin alla sede del Comune, Ca'Farsetti, per un simbolico ringraziamento a chi ha aiutato la città a rialzarsi dopo l'acqua alta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA – “Vogliamo ringraziare tutte le persone che ci sono state vicine, i veneziani in primis che hanno subito i danni ma anche tutte le persone che sono venute ad aiutarci in quelle giornate incredibili e che stanno lavorando tutt’ora”. Così il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, che oggi ha vogato in Canal Grande, dal palazzo del Casinò Ca’Vendramin alla sede del Comune, Ca’Farsetti, per un simbolico ringraziamento a chi ha aiutato la città a rialzarsi dopo l’acqua alta straordinaria dello scorso 12 novembre.

Vogliamo ringraziare anche tutti gli italiani, perché questa vostra vicinanza e questo vostro interesse ci ha dato la carica e la forza per poter tutti i giorni sistemare i danni”, continua Brugnaro spiegando che oggi la situazione è sotto controllo, ma i danni “sono molto grandi e li vedremo nei prossimi anni”. Oggi, comunque, grazie “alla disponibilità delle persone” e al lavoro svolto, “la città è di nuovo vivibile e serena, disponibile a ospitare le persone educate”.

La scelta di vogare, è derivata anche dal fatto che “la voga è anche un simbolo, un’attività sostenibile, compatibile con l’ambiente, a emissioni zero e che non crea inquinamento acustico. Insomma è l’antesignana probabilmente di quello che saranno i motori ibridi, elettrici e ad altri combustibili, che stiamo provando e testando”, afferma Brugnaro, tornando a ribadire che “probabilmente a Venezia si possono fare quelle sperimentazioni mondiali, può essere un laboratorio mondiale per gli effetti dei cambiamenti climatici”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»