Sud Sudan, nuovo accordo Kiir-Machar per governo entro febbraio

Raggiunto un accordo tra il presidente e l'ex capo dei ribelli: verrà formato un governo unitario di transizione entro fine febbraio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del Sud Sudan, Salva Kiir ha raggiunto un accordo con l’ex capo dei ribelli, Riek Machar, per formare un governo unitario di transizione entro fine febbraio. Il patto, di cui dà notizia la presidenza sud-sudanese attraverso i social network, varrebbe, secondo dichiarazioni rilasciate alla stampa, anche nel caso in cui le due parti non dovessero riuscire a superare tutte le divergenze prima della nuova scadenza.

 

I combattimenti in Sud Sudan sono già sensibilmente diminuiti dalla firma dell’accordo di pace del settembre 2018, ma Kiir e il suo ex-vice Machar non sono riusciti ad applicarne alcune parti. In particolare, restano controverse quelle relative alla creazione di un esercito unitario e alla delimitazione degli Stati Regionali interni al Paese.

Dopo tre giorni di incontri a Juba, Kiir e Machar hanno raggiunto invece diverse intese nei settori della sicurezza e dell’aiuto umanitario sia per gli sfollati interni che per il rimpatrio dei rifugiati. Ieri, il presidente egiziano Abdelfattah Al-Sisi aveva parlato di un interessamento del Cairo nella risoluzione della crisi politica sud-sudanese. All’incontro di Juba era inoltre presente Mohammed Hamdan ‘Hemetti’ Dagalo, vice presidente del consiglio sovrano di transizione del Sudan e capo delle milizie ‘Rsf’, o ‘forze di supporto rapido’, note come ‘Janjawid’ ai tempi della guerra in Darfur.

Il Sud Sudan è reduce da cinque anni di guerra civile, conclusasi l’anno scorso e iniziata nel 2013 con le accuse di cospirazione rivolte da Kiir, di etnia dinka, contro Machar, di etnia nuer. Nel conflitto sono morte oltre 380mila persone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»