Isoardi: “Con Salvini un amore grande e bellissimo, con reciproco rispetto”

ROMA -  "Il nostro è stato un amore veramente bellissimo, puro e reale. Quando si parla di sentimenti e c’è
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Il nostro è stato un amore veramente bellissimo, puro e reale. Quando si parla di sentimenti e c’è rispetto, non c’è nulla di sbagliato. Anzi, il sentimento credo renda tutto molto umano. Se sto bene? Sì, siamo due adulti. Non ci sono problemi tra noi. Da parte mia c’è grande rispetto e credo anche da parte sua. Il futuro? Vedremo…”. Lo racconta Elisa Isoardi, in un’intervista in esclusiva su ‘Chi’, in edicola da mercoledì 19 dicembre, riguardo al suo legame con Matteo Salvini.

E, commentando lo scatto pubblicato circa un mese fa che annunciava la rottura con il vicepremier spiega: “Non mi sono pentita di averla pubblicata, infatti, sta ancora lì. Non ho fatto nulla di più o di diverso da quello che si vede. È una foto poetica e sentimentale. Non ho rovinato niente a nessuno. Il nostro è un amore vero, grande. Cinque anni non sono pochi. E io rispetto questo amore e rispetto Matteo sia come uomo sia come politico. Lui non si è arrabbiato. È una bellissima foto. L’immagine di un amore. Non so perché la gente s’inventi tutti quei retroscena…”
Isoardi conclude: “Per le feste andrò in Piemonte con tutta la mia famiglia: sarà un classico Natale con i parenti intorno al fuoco”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»