Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calenda: “D’Alema e Bersani si godano la meritata pensione”

ROMA - "D'Alema e Bersani devono godersi la meritata pensione". Lo dice Carlo Calenda a 'Circo Massimo' su Radio Capital.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “D’Alema e Bersani devono godersi la meritata pensione“. Lo dice Carlo Calenda a ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. “Bersani è stato un bravo e apprezzato ministro dell’industria, D’Alema ha rappresentato una figura importante dei progressisti negli anni ’90 e 2000… ma adesso pure basta. Stiamo parlando di cose che non stanno né in cielo né in terra”, continua Calenda”.

LEGGI ANCHE: D’Alema: “Dal Pd polemiche sconcertanti, è in condizioni drammatiche”

E prosegue: “D’Alema ha fatto una scelta diversa, è stato una figura della Seconda Repubblica, buona o cattiva lo deciderà la storia, ma non è possibile che stiamo fermi lì. Così come non è possibile pensare che la riscossa del Pd o dei progressisti arrivi aprendo un tavolo con questo M5S. Serve un percorso più lungo e più faticoso per riguadagnare la rappresentanza, che parte da una rielaborazione delle idee semplicistiche dei progressisti di questi anni e che proponga un grande fronte democratico alle elezioni europee portando a bordo quelle che sono energie nuove, non energie vecchie che si spacciano per nuove”.

LEGGI ANCHE: Pd, Zingaretti: “Accordo con D’Alema? Buffonate”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»