Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fisco, Ikea indagata dalla commissione Ue per sgravi in Olanda

L'Ue ha annunciato oggi un'inchiesta contro Ikea, accusata di aver beneficiato di sgravi fiscali nei Paesi Bassi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Ikea
Ikea

ROMA – La Commissione europea torna a dar battaglia alle multinazionali. L’esecutivo Ue ha infatti annunciato oggi un’inchiesta contro Ikea, accusata di aver beneficiato di sgravi fiscali nei Paesi Bassi, promettendo “un’esame minuzioso” dei conti pagati all’erario dal colosso svedese dei mobili.

Secondo la Commissione, gli sgravi non sarebbero invece stati applicati ad altre aziende, multinazionali e non. Se cio’ fosse provato, scatterebbe l’infrazione del principio di concorrenza, di cui l’esecutivo Ue si fa garante all’interno dell’Unione. L’inchiesta segue un rapporto presentato dagli eurodeputati dei Verdi un anno fa, nel quale si denunciava “la strategia di pianificazione fiscale aggressiva” dell’azienda svedese. Oggi i Verdi hanno salutato con entusiasmo la decisione di aprire un dossier, definendolo “un grande successo, dato che siamo stati noi a suggerirlo”.

Intanto dall’Olanda un portavoce del governo ha fatto sapere che le autorita’ accorderanno “pieno appoggio” alle indagini per far luce sulla vicenda. Una vicenda analoga ha coinvolto le settimane scorse anche Apple in Irlanda e Amazon in Lussemurgo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»