Costa d’Avorio, il fotoreportage sulle ‘ragazze del carbone’ GALLERY

La DIRE ha intervistato Joana Choumali, premiata da Magnum
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  –  Per proteggersi dalla polvere e dal fumo, Mai e Habiba si coprono il volto con fazzoletti anneriti. Al “Parc du Pont”, tra il porto, lo slum e la segheria, trasformano gli scarti in carbone di legna che rivendono per pochi franchi al sacchetto.

Settimane di lavoro senza sosta, dalle sei di mattina alle sette di sera, e le più giovani non possono fermarsi neanche quando diluvia.

“La maggior parte sono immigrate dal nord” spiega alla DIRE Joana Choumali, 41 anni, la fotografa ivoriana che le ha ritratte, servizi a tutta pagina sul ‘New York Times’.

“I neonati dormono sotto teloni di plastica mentre i bambini giocano con le carriole inalando polveri e fumo; le loro madri hanno creato un’associazione per aiutarsi l’un l’altra, nella raccolta degli scarti, nelle collette per le tasse o nella costruzione dei forni”.

Foto in bianco, nero, grigio. Scattate alla periferia di San Pedro, abbandonata dagli uomini che ormai vendono legna al porto. Negli ultimi due anni Choumali è stata al “Parc du Pont” tante volte dopo aver convinto la Magnum Foundation, che ha finanziato e sostenuto il progetto: si intitola ‘Sisi Barra’, in lingua bambara “Lavoro di fumo”. “Volevo testimoniare e documentare una storia che nel mio Paese non è raccontata e che all’estero ignorano del tutto” spiega la fotografa: “E’ una lotta per conquistare diritti, nonostante mille ostacoli, e soprattutto per nutrire i bambini”.

Ne sa qualcosa, Makandje. Ha cominciato nel 1998, sfidando l’iniziale diffidenza e a volte anche l’ostilità degli uomini. Che poi se ne sono andati e così ora lei, quattro figli, è proprietaria di un forno e anima l’associazione delle lavoratrici del “Parc du Pont”. Un impegno di mutua assistenza, condiviso con Mai, che di anni ne ha solo 16. Aspetta un figlio e sogna di lavorare come venditrice al mercato. Magari, spiega Choumali, i soldi glieli presterà il marito che lavora come mototassista: “Le servono circa cento dollari”.

di Vincenzo Giardina, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»