Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Banche, Boschi: “Favoritismi? Sarei la prima a dimettermi”

"I provvedimenti emanati dal governo hanno favorito la mia famiglia? C'e' stato favoritismo, corsie preferenziali? La legge non e' stata applicata in modo uguale a tutti? Se la risposta fosse si', sarei io la prima a ritenere necessarie le mie dimissioni ma con i sembrerebbe e i pare si va poco lontanto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

boschiROMA – “I provvedimenti  emanati dal governo hanno favorito la mia famiglia? C’e’ stato favoritismo, corsie preferenziali? La legge non e’ stata applicata in modo uguale a tutti? Se la risposta fosse si’, sarei io la prima a ritenere necessarie le mie dimissioni ma con i sembrerebbe e i pare si va poco lontanto”. Lo dice Maria Elena Boschi, ministro delle riforme e dei rapporti con il parlamento, nell’aula della Camera.

“Io sono sempre dalla parte delle istituzioni, non ho mai favorito la mia famiglia ne’ i miei amici. Non c’e’ dunque alcun conflitto di interessi. Chi ha sbagliato paga e paghera’. Questo governo ha tutelato le istituzioni”, aggiuge Boschi, “non e’ mia intenzione esprimere valutazioni sulla campagna politica in atto contro la mia famiglia e il governo”.

E conclude: “Lasciate dire con il cuore. Io amo mio padre e non mi vergogno a dirlo. Mio padre e’ una persona perbene e sono fiera di lui“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»