Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 18 novembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, FINO A 175 EURO AL MESE 

Arriva l’assegno unico per le famiglie con figli a carico fino a 21 anni. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legislativo attuativo. Il sussidio può valere 175 euro per ogni figlio minorenne e si riduce gradualmente a 50 euro in base al reddito Isee. Per i maggiorenni l’aiuto va da 85 a 25 euro. Potranno beneficiarne anche gli stranieri residenti da almeno due anni in Italia. Le famiglie con figli disabili riceveranno l’assegno unico senza limiti di età. Le domande vanno presentate a gennaio 2022 per iniziare a riceverlo a marzo. I beneficiari del reddito di cittadinanza lo otterranno automaticamente senza fare la domanda. Proprio sul reddito di cittadinanza continua lo scontro tra i partiti. Fratelli d’Italia, che vorrebbe abolirlo, ha organizzato davanti a Montecitorio un flash mob con deputati e senatori contro la misura bandiera dei 5 stelle.

REDDITO DI CITTADINANZA A 3 MILIONI E 790MILA PERSONE

I percettori di reddito di cittadinanza in Italia sono 3 milioni e 790 mila persone. L’assegno medio ammonta a 577 euro, mentre la pensione di cittadinanza e’ in media di 273 euro. Lo ha detto il ministro del lavoro Andrea Orlando, riferendo alla Camera. Per Orlando gli abusi non cancellano le finalita’ della misura. Intanto chi doveva trovare un’occupazione ai beneficiari del sussidio sarà disoccupato. I navigator scendono in piazza a Roma per chiedere una proroga dei loro contratti che scadono a fine anno. Sono 2.500 e come spiega il segretario generale Nidil Cgil Andrea Borghesi, si tratta di “personale qualificato che potrebbe essere impiegato nel centri per l’impiego, anche usando le ingenti risorse previste nel Pnrr per le politiche attive”.

GARANTE MINORI: COINVOLGERE GIOVANI NELLE SCELTE 

Coinvolgere le giovani generazioni nelle scelte che saranno prese dalle Istituzioni. Lo chiede l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Carla Garlatti presentando un manifesto in 5 punti. I giovani hanno subìto un impatto considerevole dal covid, ricorda il presidente della Camera Roberto Fico in un convegno organizzato dal Garante, ‘ora vanno ascoltati di più’. Farlo, conferma la presidente del Senato Elisabetta Casellati, ‘è un presupposto irrinunciabile’. Secondo la ministra per le politiche giovanili Fabiana Dadone, ‘ora la priorità è tutelare i diritti dei più giovani e promuoverne la partecipazione nelle scelte. Indirizzo condiviso anche dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, per il quale l’ascolto dei più giovani ‘è uno strumento per lo sviluppo sostenibile del Paese’.

LA TENUTA DI CASTELPORZIANO CERTIFICATA SOSTENIBILE

Seimila ettari di foresta dal grande valore naturalistico e con un alto livello di bioversità. È la tenuta presidenziale di Castelporziano che ha da poco ricevuto la certificazione per la Gestione Forestale Sostenibile dal PEFC Italia. La certificazione, assegnata per la prima volta nel Lazio, premia la gestione attiva e la programmazione del patrimonio forestale di questo polmone verde al cui interno sono custoditi oltre 3mila specie animali e mille varietà floristiche. La direttrice Giulia Bonella spiega che la tenuta di Castelporziano comunica “cosa vuole dire oggi tutelare un ambiente comune a fronte di così tante minacce globali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»