Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Claudia Gerini testimonial della campagna ActionAid ‘Call4Margherita’: “Salvarsi la vita non è un lusso”

La pizza diventa oggi "un simbolo di protesta perché chiediamo ai governi di erogare fondi per fare sistema e creare una rete di protezione", ha spiegato l'attrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Laura Monti

ROMA – È una pizza – ‘la pizza più costosa del mondo’, tanto da dover essere custodita in una teca di vetro – il simbolo di Call4Margherita, la Campagna contro la violenza sulle donne di ActionAid, presentata stamattina in un flashmob nel centro di Roma e con una testimonial d’eccezione: l’attrice Claudia Gerini. “Costa così tanto perché vale una vita”, ha spiegato Gerini. E infatti il nome della campagna si ispira a un fatto di cronaca avvenuto quest’anno a Milano, dove una donna, per salvarsi dal compagno violento, ha chiamato la polizia fingendo di ordinare una pizza ed è stata salvata da una pattuglia di polizia che ha arrestato l’uomo in flagranza di reato.

La pizza diventa oggi “un simbolo di protesta- ha detto ancora Gerini- perché chiediamo ai governi di erogare fondi per fare sistema e creare una rete di protezione: centri antiviolenza, centri di ascolto, formazione per chi accoglie le testimonianze e tribunali specializzati”.

In Italia dal 2013 ad oggi solo il 14% dei fondi è stato speso in prevenzione, in maniera difforme sul territorio e soprattutto per campagne di comunicazione e sensibilizzazione pubblica: “Il problema, nonostante sia strutturale, non è affrontato con efficacia, i fondi non sono adeguati”, ha detto Katia Scannavini, vicesegretaria generale di ActionAid Italia. La conseguenza è che “salvarsi la vita è ancora un lusso”, ha proseguito, denunciando che “la violenza sulle donne non è una priorità e non lo è stata neanche durante la pandemia”. L’appello di ActionAid è chiaro: “La violenza sulle donne deve diventare un’urgenza concreta per la politica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»