Discoteche in Sardegna, si vota domani la sfiducia al presidente Solinas

La mozione di sfiducia voluta dalle minoranze arriva in aula con l'ok della maggioranza, pronta a difendere il presidente
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CAGLIARI – Il Consiglio regionale sardo discutera’ domani mattina, alle 11, la mozione di sfiducia al presidente della Regione, Christian Solinas, depositata la scorsa settimana dalle opposizioni per la gestione dell’emergenza covid nell’isola. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo, convocata questa mattina dal presidente del Consiglio regionale, Michele Pais.

LEGGI ANCHE: Discoteche in Sardegna, scoppia il caso della mail in cui Vella diceva: “Ok riaprirle, sono all’aperto”

La volonta’ di accellarare i tempi della discussione, da quanto apprende la ‘Dire’, verrebbe dalla stessa maggioranza che sostiene il presidente della Regione, desiderosa di difendere Solinas in aula e di fare chiarezza dopo i violenti attacchi subiti nelle ultime settimane. A tener banco, inutile sottolinearlo, il “caso discoteche”, scoppiato dopo il servizio di Report andato in onda il 9 novembre.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Le discoteche in Sardegna e il giallo del parere Cts, le opposizioni: “Solinas chiarisca o via”

“Riteniamo che il presidente della Regione debba assumere la piena responsabilita’ politica delle decisioni che hanno condotto la Sardegna sull’orlo del baratro a causa del dilagare incontrollato del coronavirus- si legge nel documento firmato da tutti i consiglieri di minoranza, ad eccezione di Francesco Stara (Italia viva) e Carla Cuccu (M5s)- che ha minato e sta minando gravemente il diritto alla salute e le condizioni economiche dei cittadini sardi”.

LEGGI ANCHE: Caso discoteche, Solinas: “La Sardegna è parte lesa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»