Conte: “Mi assumo tutta la responsabilità delle nomine in Calabria”

“Sia per Zuccatelli, che per Gaudio, c’è stato il pieno confronto e la condivisione con tutti i ministri coinvolti", dice il premier
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Mi assumo tutta la responsabilità della scelta di Gaudio. Non solo del fatto che la designazione non è andata a buon fine, ma anche delle precedenti nomine“. È il premier Giuseppe Conte ad assumersi tutta la responsabilità sulla vicenda della sanità calabrese in un colloquio con il quotidiano Repubblica.

LEGGI ANCHE: Sanità Calabria, Gaudio rinuncia all’incarico da commissario: “Mia moglie non vuole trasferirsi a Catanzaro”

Sia per Zuccatelli, che per Gaudio, c’è stato il pieno confronto e la condivisione con tutti i ministri coinvolti. Nella mia posizione gestisco tanti dossier, non ho la possibilità di incontrare tutti e di effettuare i controlli nel dettaglio- si giustifica il premier- Ma le responsabilità ricadono primariamente su di me, se coinvolgono il governo. Vale per Gaudio, come per Cotticelli. E anche per Zuccatelli, altissimo profilo, che però con quei video e quelle dichiarazioni inappropriate ha aperto una ferita con la comunità calabrese”.

Poi sulla questione politica il premier sottolinea: “Non si è aperta una crepa nella maggioranza per il semplice fatto che mi assumo la responsabilità. Il processo decisionale si è sviluppato in modo lineare e nel pieno confronto con tutti i ministri direttamente coinvolti”. E spiega come avviene la nomina di un commissario: “La proposta spetta al ministro dell’Economia, di concerto con quello della Salute, con il parere del ministro degli Affari regionali e la deliberazione del consiglio dei ministri. E il processo prevede altresì il parere del presidente della regione Calabria. Infine la mia firma in calce”.

Gaudio “mi ha assolutamente riferito dei suoi problemi familiari, in modo trasparente. Confidando di poterli superare.  Con i ministri ho pensato che avremmo potuto sanare quella ferita con la comunità calabrese“.

LEGGI ANCHE: Gino Strada: “Accordo con la Protezione civile in Calabria, iniziamo oggi”

Una comunità che da oggi si avvarrà dell’accordo tra Emergency e Protezione civile: “Sarà operativa per l’emergenza in Calabria con ospedali da campo. E collaborerà a realizzare Covid hotel e operazioni di triage. Da domani i calabresi saranno più forti e resilienti, in virtù di questa collaborazione“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»