Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dramma sul lavoro a Genova, muore operaio di 26 anni

E' rimasto schiacciato da un rullo all'interno di un'azienda che si occupa della lavorazione di metalli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Incidente mortale sul lavoro, in via Ungaretti, nel quartiere genovese di Pra’. Nel primo pomeriggio, un operaio italiano di 26 anni e’ rimasto schiacciato da un rullo all’interno di un’azienda che si occupa della lavorazione di metalli. Vani i tentativi di rianimarlo sul posto.

“Non si puo’ morire sul lavoro a 26 anni come a 60: e’ incivile, insopportabile e allarmante. Cgil, Cisl, Uil Genova esprimono sconcerto e rammarico per la morte di un giovane operaio di 26 anni avvenuta, questo pomeriggio, a causa di un incidente all’interno della fabbrica Nastrisider di Pra’”, si legge in una nota unitaria delle organizzazioni sindacali.

“Crediamo fortemente che sia necessario continuare a battersi per l’elevazione degli standard di sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro- proseguono- anche nelle realta’ piu’ piccole dove il sindacato, purtroppo, riesce a entrare a fatica”. In una nota, il Partito democratico manda il proprio cordoglio alla famiglia e sottolinea come sia “assurdo e ingiusto che tragedie come queste continuino ad accadere. Purtroppo si tratta di un bollettino quotidiano nel nostro Paese. E, ogni volta, si riapre il dibattito politico sulla sicurezza sul posto di lavoro. Ma non basta piu’ indignarsi per qualche ora e poi continuare a fare finta di nulla. La politica deve intervenire a tutti i livelli”. Per i dem, “serve applicare correttamente le leggi, potenziare i controlli e la formazione mirata alla sicurezza. In Regione, abbiamo avviato nei mesi scorsi una discussione audendo tecnici ed esperti del settore su questi temi, lavoreremo perche’ da questa discussione emergano fatti e impegni concreti. La sicurezza viene prima di tutto e non ha colore politico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»