Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il M5S bolle, il Governo scricchiola ma andrà comunque avanti

L'editoriale di Nicola Perrone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ci mancava anche l’appartamento a suo tempo destinato all’ex ministra della Difesa indicata dal M5S, Elisabetta Trenta. L’alloggio alla fine del mandato andava restituito. Invece, alla fine il contratto è transitato al marito, ufficiale dell’esercito. Tutto regolare? L’ex ministra giura di sì, ma la Procura militare oggi ha aperto una indagine e vuol vederci chiaro. Una vicenda che ha suscitato una marea di mal di pancia, soprattutto dentro al Movimento già sotto botta. Al centro, la debolezza del Capo politico, Luigi Di Maio, che a livello parlamentare viene contestato da più parti. Ormai manca una linea politica chiara e l’autorevolezza, spiegano alcuni deputati. Non si riesce da mesi ad eleggere il nuovo capogruppo, sottolineano: «Di Maio spinge sul suo ma non passa. All’ultima riunione è venuto a minacciare… “Chi non ci sta può andarsene”, ha detto. Ma ormai a queste cose nessuno dà più peso». Che cosa pensate di fare? «A questo punto- sottolinea un parlamentare M5S- abbiamo deciso di spingere l’alleanza di Governo dal fronte parlamentare. Su determinati provvedimenti ci stiamo organizzando per riunire, di volta in volta, i responsabili delle altre forze e, insieme, presentarlo o avanzare modifiche concordate. Così facendo aiuteremo il Governo ad andare avanti».

Andare avanti, senza il rischio di elezioni anticipate. Perché nei corridoi dei palazzi della politica il rischio di andare presto alle urne si avverte nell’aria, si sentono scricchiolii: «Normale fibrillazione dovuta alla legge di bilancio, ognuno punta ad ottenere qualcosa. Vedrete che alla fine saranno scricchiolii di assestamento, qui in Parlamento nessuno ha voglia di tornare a casa», giura un esponente del Pd. Certo tra i Dem la paura di venir travolti e risucchiati dal crollo del M5S è forte. Ma è altrettanto forte la spinta a non consegnare il Paese al leader della Lega, Matteo Salvini. Per il momento gli occhi sono puntati alle regionali dell’Emilia-Romagna del 26 gennaio: lì il leader del Carroccio cercherà la vittoria per affondare il Governo, mentre Zingaretti lavora e spera che la riconferma del presidente Bonaccini si trasformi in linfa vitale per il nuovo corso Dem.

LEGGI DIRE OGGI DEL 18 NOVEMBRE

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»