Dalla Farnesina altri 42 milioni ai piani di solidarietà

ROMA - Approvate altre iniziative di solidarietà per un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

giro1ROMA – Approvate altre iniziative di solidarietà per un totale di 42,5 milioni di euro, di cui 56 progetti provenienti dalle Organizzazioni della della Società civile (Ocs). E’ questo uno dei risultati principali raggiunti dal Comitato congiunto, l’organo chiamato ad approvare periodicamente le iniziative di cooperazione della Farnesina, riunitosi stamani a Roma, presieduto dal Viceministro Giro.

Le 56 iniziative accolte riceveranno in totale 22 milioni e cinquecentomila euro. Tali iniziative consistono in progetti per l’impresa sociale, l’innovazione agricola ed energetica, la creazione di start up, interventi sulle migrazioni e infine la salvaguardia del patrimonio culturale.

“Per il 2017 coinvolgeremo maggiormente gli organismi della società civile (Osc) in vista della scrittura A del bando 2017, soprattutto per garantire una maggiore flessibilità che premi sempre più il merito ed il contenuto e riduca al giusto i requisiti formali che non ci garantiscono del tutto e potrebbero penalizzare le buone idee” ha commentato il viceministro Giro.

“I requisiti del prossimo bando OSC devono consentire la partecipazione di altri soggetti indicati come OSC dall’art 26 della 125- imprese sociali, onlus, le organizzazioni di commercio equo e quelle di migranti- perché tutti i soggetti del bando 2016 sono le ONG della legge 49. Anche qui dobbiamo presto adesso aprire un confronto sui requisiti per l’elenco, magari prevedendo più categorie”, ha concluso il vice capo della Farnesina. Via libera anche a 4 milioni di contributo volontario al Gavi, la Global alliance for vaccines and immunisation, il primo passo per rispettare la promessa dei 100 milioni entro il 2020 garantiti dall’Italia. Altri 10 milioni del fondo totale saranno poi destinati ad un credito d’aiuto d’edilizia scolastica in Senegal. Altri 500mila euro andranno invece ad un programma Unesco per rafforzare le Università di Dakar e Saint Louis, così come ha promesso il premier Matteo Renzi nel suo ultimo viaggio in Senegal.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»