Crollo a Ponte Milvio, Grasso: “Fondi del terremoto? Il Comune di Roma usi i propri”

La sindaca Raggi aveva detto che il Campidoglio non aveva fondi e che l'auspicio era rientrare nel decreto per il terremoto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

grasso_nelle_marche4ANCONA – “A Roma minuzie rispetto a quello che è accaduto nelle Marche”. Il presidente del Senato Pietro Grasso ha così commentato la proposta avanzata dal sindaco di Roma Virginia Raggi di inserire la Capitale nell’elenco dei Comuni più danneggiati dalle scosse del sisma del 28 e del 30 ottobre (‘cratere’), per ricostruire la palazzina di ponte Milvio.

LEGGI ANCHE Crollo a Ponte Milvio, Raggi: “Non abbiamo strumenti, ipotesi dl terremoto”

“Io non entro nella discrezionalità dell’amministrazione capitolina- ha detto Grasso alla DIRE- ma penso che il Comune di Roma abbia i fondi per sopperire al meglio a quelle che sono minuzie rispetto a quello che ho visto nelle Marche“. Il presidente del Senato, che oggi ha preso parte ad Ancona a un convegno sui giovani e la legalità organizzato all’Università Politecnica delle Marche dal consiglio regionale, ieri ha visitato Camerino. Uno dei comuni più colpiti dal terremoto. “Ho constatato di persona che la coppia Errani e Curcio è molto attenta non solo a fare le cose ma a farle nel massimo della legalità– ha proseguito Grasso- Si istituirà un apposito ufficio che controllerà questo aspetto in maniera specifica. La legalità è un aspetto non trascurato”.

TI PUO’ INTERESSARE ANCHE

Alessandra e Carlo, luna di miele a Camerino per aiutare gli sfollati

Il vescovo di Camerino: “Vivo da sfollato, qui gente stremata”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»