Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cinque cose da sapere sul mutuo giovani under 36

mutuo_giovani
Lo Stato si impegna a fare da garante in prima persona, fornendo una garanzia pari all’80% per un importo che non deve superare i 250.000 euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La scelta del mutuo non è mai semplice, a qualsiasi età. Il mutuo under 36 rappresenta un’opportunità che permette anche a chi non ha una liquidità consistente da parte, come accade spesso ai giovani, di poter avere a disposizione una casa di proprietà. In questo articolo ne parliamo, nel tentativo di fare chiarezza e dare ai diretti interessati la possibilità di effettuare la scelta migliore.

1)  Uno sguardo online

Oggi le migliori offerte di mutuo giovani under 36 si trovano sul web, con siti che consentono di avere accesso a soluzioni di enti creditizi anche non localizzati nella propria città e allo stesso tempo di non perdere il tempo che richiede una consulenza in presenza. Il digitale porta vantaggi importanti, quindi, da non sottovalutare assolutamente. Sia dal punto di vista dell’ottenimento delle informazioni sia per quanto riguarda la sottoscrizione del mutuo, più snella, veloce, semplicemente a portata di clic.

2)  A chi è rivolto il mutuo giovani under 36

Il mutuo giovani under 36 è stato pensato per agevolare l’acquisto della prima casa da parte dei giovani che hanno un’età compresa tra i 18 e i 36 anni. Una misura interessante che interviene su un tema delicato quale quello del lavoro precario che coinvolge anche persone qualificate. Per le quali lo stato si impegna a fare da garante in prima persona, fornendo una garanzia pari all’80% per un importo che non deve superare i 250.000 euro.

La misura interessa, oltre che i singoli, le coppie di coniugi e di conviventi da almeno due anni, comprese quelle con minori a carico o residenti in una casa popolare. L’Isee, per ottenere le agevolazioni del mutuo giovani under 36, non deve superare i 40.000 euro annui e la persona non è necessario che abbia un lavoro a tempo indeterminato.

3)  Quali caratteristiche deve avere l’immobile

Come abbiamo accennato l’immobile deve essere una prima casa e avere un valore non superiore ai 250.000 euro. Inoltre, non deve trovarsi inserito in una categoria di lusso e appartenere, quindi, alle categorie A1, A8 e A9. Sono ammessi gli interventi di riqualificazione, atti a rendere l’edificio fruibile e vivibile.

4)  Come ottenere il mutuo giovani

Per ottenere il mutuo giovani è necessario inoltrare le domande presso la Consap, pratica da attivare parallelamente al confronto con un ente creditizio. La Consap è, infatti, l’organo predisposto dallo Stato per la misura tutelativa del mutuo under 36. Una volta accettata la concessione della garanzia, la Consap si relaziona con la banca per la strutturazione del finanziamento.

5)  Quali sono i vantaggi

I vantaggi del mutuo 36 sono, oltre che permette a categorie che si troverebbero in difficoltà a ottenere un finanziamento, anche il fatto che porta ad avere una finanziamento più elevato. Inoltre, l’imposta di registro si trova azzerata, così come la misura di ipoteca. Infine, ma non meno importante, i tassi imponibili sono più bassi. Una tutela a tutto tondo per i giovani che si trovano così nelle condizioni di andare via più facilmente di casa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»