Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pregliasco: “Con il 90% dei vaccinati, via le mascherine al chiuso”

fabrizio pregliasco
Il virologo: "Vediamo la luce in fondo al tunnel, ma ci siamo ancora dentro. Meglio evitare i grandi pranzi di Natale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se si arrivasse al 90% dei vaccinati potremmo velocizzare la fine delle restrizioni. Se si vaccinassero altri due milioni di italiani spero, ad esempio, che potremo togliere l’obbligo mascherina al chiuso“. Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il virologo e direttore Anpas Fabrizio Pregliasco, che oggi è intervenuto alla trasmissione condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Il dato delle persone che in Italia hanno completato il ciclo vaccinale, aggiornato a venerdì, è pari a 43,74 milioni, circa l’81% della platea.

A proposito del boom di nuovi casi nel Regno Unito, che da qualche giorno viaggia al ritmo di 45mila contagi al giorno, Pregliasco dichiara: “Spero non sia una nuova variante che si è insinuata ma che sia solo l’effetto di una temerarietà attuata fin da subito in quel Paese. Noi invece vediamo la luce in fondo al tunnel, ma siamo ancora all’interno del tunnel”, spiega il virologo, che sulla possibilità che il green pass venga utilizzato anche nel 2022, sottolinea: “Spero che termini con il mese di dicembre”.

Intanto, qualcuno inizia già a pensare alle feste e alla possibilità di tornare ai grandi raduni familiari. Ma Pregliasco invita ad essere cauti: “I baci, gli abbracci e viaggi sono sempre stati facilitanti per la trasmissione del virus. I pranzi numerosi sarebbe meglio rimandarli all’anno prossimo, meglio fare su Zoom o Skype come stiamo facendo adesso”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»