Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ballottaggio Trieste, Dipiazza si riconferma sindaco

dipiazza trieste sindaco
Il primo cittadino uscente chiude con il 51,29%, contro il 48,71% dello sfidante di centrosinistra Francesco Russo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Il sindaco uscente di Trieste Roberto Dipiazza ha vinto il ballottaggio. Si è concluso lo spoglio nel capoluogo giuliano: i risultati definitivi danno Dipiazza, esponente del centrodestra, al 51,29%. Si ferma invece al 48,71% lo sfidante di centrosinistra Francesco Russo. Per Dipiazza si tratta del quarto mandato da primo cittadino, dopo le esperienze già maturate nel Comune di Muggia e in quello di Trieste.

DIPIAZZA: “OGGI SONO L’EROE DEL CENTRODESTRA”

“Un’emozione così forte per la mia città non l’avevo mai provata: quattro mandati, uno a Muggia, poi sono uno dei pochi sindaci di centrodestra che ha portato alta la bandiera in Italia. Mi hanno telefonato tutti, da Matteo Salvini, a Giorgia Meloni, a Berlusconi. Oggi sono un po’ l’eroe del centrodestra, me l’hanno detto loro, non l’ho detto io”. Non nasconde la gioia il riconfermato sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza.

A complimentarsi per primo, all’arrivo in Municipio, è stato il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e poi gli storici collaboratori del sindaco nei tre mandati precedenti. “Non avevo grandi ansie, nel senso che avevamo sedici punti al primo turno, e non sono pochi”, spiega Dipiazza. “Ripartiamo da Trieste, anche per portare avanti un momento della città straordinario – continua -, Porto Vecchio, porto nuovo, abbiamo tantissime risorse del Pnrr e allora ripartire domani mattina è una cosa buona per la città. Qualsiasi giunta nuova avrebbe dovuto rodarsi, aspettare e perdere non un anno, ma sei mesi sicuro”, conclude Dipiazza.

AFFLUENZA GIÙ DI CINQUE PUNTI RISPETTO AL PRIMO TURNO

Affluenza al 42% per il ballottaggio delle comunali a Trieste, quattro punti in meno rispetto al primo turno. È quanto fa sapere la Regione Friuli Venezia Giulia sul proprio sito dedicato allo spoglio elettorale. Secondo Dipiazza, però, il calo nella partecipazione al secondo turno è normale.

RUSSO: “L’AVANZATA DELLE DESTRE NON È UN BEL SEGNALE”

Consiglio comunale spostato ancora più a destra? “Questo è un problema del sindaco Dipiazza. L’abbiamo denunciato, è un problema, entrerà anche quello che era il segretario regionale di Forza Nuova, credo che sia non un bel segnale per il Comune di Trieste. È una responsabilità del sindaco Dipiazza, spetta a lui trovare un equilibrio”. Lo evidenzia alla Dire il candidato sindaco di Trieste del centrosinistra, Francesco Russo, battuto al ballottaggio dal sindaco uscente Roberto Dipiazza.

“È andata bene, non benissimo”, si consola Russo, che al primo turno aveva preso il 31% dei voti, “abbiamo fatto un recupero che passerà alla storia come una delle maggiori rincorse. Quindici punti recuperati tra un turno e l’altro”, sottolinea. E aggiunge: “Il 49% è un risultato importante, vuol dire che quasi un cittadino su due ci ha dato fiducia, ed è una responsabilità anche per il futuro”. Il dem, che ricopre anche la carica di consigliere regionale del Friuli Venezia Giulia, conferma che intende ricoprire anche la funzione di consigliere comunale, come molti altri colleghi regionali.

“Le sfide per il prossimo anno per Trieste saranno importanti – ricorda Russo -: il Pnrr, fare del Porto Vecchio una cosa ambiziosa che non sia lo spezzatino degli ultimi anni, accompagnare Zeno D’Agostino in giro per il mondo a raccontare Trieste. Servirà un’opposizione costruttiva, ho promesso questo tipo di opposizione e ho garantito che, se ci saranno dei margini per collaborare su progetti condivisi, lo farò con grande piacere“, conclude l’esponente di centrosinistra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»