Roma 2024, Malagò: “Per la candidatura spesi 13 milioni, non si recuperano”

Il presidente del Coni ha ribadito che "con la candidatura siamo arrivati a fine corsa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

raggi_malagòROMA – “Il processo di candidatura” di Roma 2024 “si è interrotto da questa settimana, sono stati spesi circa 13 milioni di euro. Spese non recuperabili”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, parlando ai microfoni di Radio 24.

“Se fino al 3 febbraio (data di consegna dell’ultima parte del dossier, ndr) può cambiare qualcosa? No, è la fine”, ha aggiunto il numero uno dello sport italiano, spiegando che “con la candidatura siamo arrivati a fine corsa”.

Un piano B “c’è o ci poteva essere: portare avanti la candidatura a prescindere dal Comune. Ma l’abbiamo scartato”. Malagò è quindi tornato al giorno in cui ha annunciato l’interruzione della candidatura. “Se ho pianto? No, ma mi sono commosso. Non erano lacrime ma forse era qualcosa di peggio. Io ci ho sperato fino all’ultimo”, ha concluso.

LEGGI ANCHE

Roma 2024 addio, è ufficiale: candidatura interrotta. E Malagò propone Milano per il Cio

Roma 2024, la Capitale è fuori: M5s approva mozione ritiro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»