VIDEO | Migrante lancia sassi contro gli agenti nel Cas di Monastir in Sardegna

Uno degli ospiti della struttura, da poco sbarcato nell'isola, ha lanciato cocci e tegole contro i poliziotti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Alta tensione nel centro di accoglienza per migranti di Monastir, nel Sud Sardegna. Uno degli ospiti della struttura, da poco sbarcato nell’isola, si è reso protagonista di un fitto lancio di cocci di tegole contro i poliziotti a presidio del centro. Il giovane, ricostruisce la vicenda Vincenzo Chianese, segretario generale Es Polizia, aveva iniziato uno sciopero della fame sulla terrazza del Cas per protestare contro le condizioni della struttura e voleva allontanarsi. Dalla stessa terrazza ha poi iniziato la sassaiola contro le divise.

https://youtu.be/sNd58dcjitw

“Ancora una volta la struttura che ospita il Centro di accoglienza straordinaria ha manifestato la sua palese inadeguatezza- il commento di Marco Grandi, responsabile di Es Polizia Cagliari- mettendo a repentaglio l’incolumità di poliziotti, carabinieri e finanzieri. È inaccettabile”.

Le scene di violenza a Monastir, sottolinea Chianese, “sono ormai all’ordine del giorno e non si può più accettare l’assordante silenzio della Prefettura. Se non ci sarà un tempestivo cambio di rotta saranno inevitabili forti iniziative di protesta: i poliziotti vanno ascoltati da vivi, non pianti da morti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»