Festival della Filosofia, Recalcati: “Tante intimità sono alienanti, la distanza è il segreto dell’amore”

Lo psicoanalista Massimo Recalcati anche quest'anno tiene la sua lezione magistrale al FestivalFilosofia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – In questo tempo di desideri frustrati, di corpi bloccati, da quando il covid è piombato nelle nostre vite, Massimo Recalcati, psicoanalista, che anche quest’anno tiene la sua lezione magistrale al FestivalFilosofia, alla Dire ha lanciato l’invito di “tornare a leggere gli autori del Dolce Stil Novo, per dare un po’ di luce a questo tempo buio. Parlavano di amore senza fare l’amore. Parlavano di dame inaccessibili, come Beatrice per Dante. Proprio la lontananza e la distanza erano state le condizioni per generare i suoi versi. Ci sono rapporti di intimità che sono alienati, e invece abbiamo rapporti di distanza che sono estremamente prossimi. Cogliamo quest’occasione per ripensare il senso della distanza e della presenza. E’ qui il segreto delle coppie che si amano. Per continuare ad amarsi nel tempo bisogna essere distanti anche quando si è vicini“. E’ il consiglio spassionato che l’intellettuale ha condiviso con i giornalisti, a Modena, poco prima della sua lezione, dedicata al “‘desiderio’, che è ciò che rende la vita viva”.

Esiste una tradizione, ha ricordato Recalcati, che vede nel desiderio “una maledizione come sosteneva Deleuze”, “un cattivo infinito come la coscienza infelice di Hegel. Ma è proprio il desiderio a dare forza e spinta alla vita- ha rimarcato- Esiste anche un ‘desiderio affermativo’, la felicità non è solo inquietudine”.

Ed è proprio sulla “potenza affermativa del desiderio” che Recalcati ha incentrato la sua lezione filosofica, mettendo al centro “la magia” e “il miracolo descritto da S. Agostino quando parlava della felicità come del desiderare ciò che si ha”. Proprio nella “predicazione cristiana e nella psicoanalisi”, ha detto infine, “si può trovare questo concetto del ‘nuovo’ in ciò che finalmente si ha”, il segreto per non rimanere in “una fuga frustrata” per sempre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»