Migranti, Open Arms bloccata davanti Palermo. In 48 si gettano in mare: “L’Italia ci ha abbandonati”

Già ieri in 75 si erano gettati in mare nel tentativo di raggiungere la costa a nuoto. Il tweet di Open Arms si conclude con l'hashtag "#Unportosicurosubito"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Siamo ancora di fronte Palermo senza poter sbarcare né avere alcuna indicazione. A bordo la sofferenza aumenta, degli ospiti e dell’equipaggio. Altre 48 persone si sono gettate in acqua”. Lo scrive Open Arms in un tweet.

L’imbarcazione della Ong si trova da due giorni davanti alla costa palermitana in attesa di istruzioni e già ieri in 75 si erano gettati in mare nel tentativo di raggiungere la costa a nuoto. Il tweet di Open Arms si conclude con l’hashtag “#Unportosicurosubito”. A bordo fino a questa mattina 188 persone.

L’Italia, pur sapendo che la situazione di Open Arms è al limite, ci abbandona a 1.500 metri da Palermo senza alcuna soluzione né informazione”. A scriverlo in un tweet è il fondatore della Ong ‘Proactiva Open Arms’, Oscar Camps, che pubblica sul social network anche un video dei migranti gettatisi in mare questa mattina nel tentativo di raggiungere la costa, così come fatto ieri da altre 75 persone che si trovavano a bordo della Open Arms.

Le sofferenze a bordo aumentano incessantemente – denuncia Camps -, sia per i migranti che per l’equipaggio. Altri 48 si sono gettati in mare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»