VIDEO | Vitamina D, il pediatra: “Dopo il lockdown attenzione a carenza”

I pediatri di Sipps consigliano ai genitori di far assumere ai bambini la vitamina D, visto che quest'inverno le 'scorte' saranno inferiori a causa del lockdown
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il prossimo inverno avremo in circolo meno scorte di vitamina D a causa del fatto che nel periodo del lockdown siamo stati meno esposti al sole. Quindi quest’anno i pediatri dovranno prestare più attenzione, perché è probabile che un maggior numero di bambini raggiunga una situazione di carenza che potrebbe poi dare problemi soprattutto a livello osseo, tanto negli adolescenti quanto nei bambini in età scolare”. A fotografare lo stato di salute degli italiani è Francesco Vierucci, pediatra della Struttura complessa di Pediatria dell’Ospedale San Luca di Lucca, che prenderà parte a ‘Napule è… pediatria preventiva e sociale’.

La tre giorni di eventi, dal 18 al 20 settembre, dedicati alla prevenzione, allergologia, dermatologia, nutrizione e gastroenterologia in età pediatrica, e promossi dalla Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) in live streaming sulla piattaforma digitale Health Polis, iDea Congress. ‘Novità sulla profilassi con vitamina D: dalla mamma all’adolescente’ sarà il titolo dell’intervento che Vierucci terrà sabato 19 settembre insieme a Giuseppe Saggese, direttore responsabile di Ripps, la rivista ufficiale della Sipps.

LEGGI ANCHE: VIDEO | ‘Napule è…pediatria preventiva e sociale’, dal 18 settembre la tre giorni con 31 eventi e 52 esperti

“Nel nostro Paese la sintesi cutanea di vitamina D diventa efficace da marzo, praticamente proprio nei tre mesi in cui quest’anno siamo stati chiusi in casa. Pertanto- spiega il medico- tutti i bambini che necessariamente sono stati meno esposti al sole meritano di fare la profilassi con vitamina D. Si tratta di una profilassi a dosaggi fisiologici giornalieri assolutamente raccomandati, per cui non è necessario andare a misurare il livello di vitamina D presente, a meno che non ci siano nei bambini dei sintomi carenziali clinici evidenti- puntualizza Vierucci- ma in questo caso è il medico a doverlo riscontare”.

Di vitamina D si è parlato molto anche nel periodo della pandemia perché si era ipotizzata una possibile relazione tra stato vitaminico e malattia da Covid-19. “Su questo punto i dati effettivamente disponibili sono pochi- precisa Vierucci- ci sono state, però, delle prese di posizione da parte di importanti società internazionali. Diciamo che al momento non si può ritenere che la profilassi con vitamina D possa essere una reale ed efficace strategia di prevenzione di Covid-19 o di trattamento della malattia. I pochi studi pubblicati- fa sapere il pediatra- suggeriscono un’associazione tra carenza grave di vitamina D e peggior risoluzione della malattia. Ma non è una relazione causa-effetto, è un’associazione”.

La cosa certa è che “lo stato vitaminico regola l’immunità– conclude Vierucci- dunque è assolutamente corretta l’indicazione di cercare di garantire a tutti i soggetti i fabbisogni giornalieri di vitamina D raccomandati per età”.

LEGGI ANCHE: Sipps: “La corretta alimentazione nei primi anni di vita è un vaccino”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»